La Cera d’Api

La Cera d'Api

cera d'api

Fattori che influenzano la produzione di cera nelle api da miele

La cera d'api è il materiale più versatile prodotto e utilizzato dalle api da miele. La cera d'api è utilizzata per molte operazioni essenziali della colonia, come la costruzione di favi per l'allevamento della covata e l'immagazzinamento delle risorse alimentari, la tappatura delle celle piene di miele maturo e la costruzione delle celle della regina, necessarie per la creazione di nuove regine. L'odore unico della cera d'api di una colonia è anche coinvolto nel fornire spunti di riconoscimento tra le api della stessa coloniacera sceratrice a pettine.

La produzione di cera può essere influenzata da una serie di fattori noti. Le ricerche hanno dimostrato che i periodi di costruzione del favo coincidono con periodi di elevata assunzione di nettare, creando così una richiesta di più favo. Inoltre, poiché la cera si forma originariamente all'interno dell'addome dell'ape sotto forma di liquido e viene secreta attraverso gli sterniti sotto forma di piccole scaglie di cera, la temperatura della colonia deve essere superiore a 16°C perché questo processo sia fisiologicamente possibile. La temperatura interna della colonia intorno all'area di costruzione del favo deve essere compresa tra 30 e 37°C perché le api possano secernere cera e manipolarla per costruire il favo. Infine, quando le operaie adulte escono dalle loro celle, i loro complessi di ghiandole della cera non sono ancora sviluppati. In genere le api produttrici di cera hanno un'età compresa tra i 5 e i 9 giorni, con la massima secrezione di cera nelle api di nove giorni.

La temperatura, la densità delle api (numero di api per volume) e il tipo di nettare influenzino la produzione di cera nelle api da miele. La comprensione dei fattori che influenzano la produzione di cera può avere importanti implicazioni per la gestione più efficiente delle api da miele per la produzione di cera d'api.cera ape

Quando le api da miele hanno tra i 12 e i 20 giorni di vita, sviluppano nell'addome una speciale ghiandola che produce cera. Questa speciale ghiandola converte lo zucchero del miele in una sostanza cerosa e ne deposita fiocchi sull'addome.

Queste piccole scaglie di cera vengono raccolte dalle altre api e masticate in bocca. Le api aggiungono poi questi pezzetti di cera a una base di cera fornita dall'apicoltore come avviamento per aiutare la costruzione del favo. In natura, le api partono da zero.

Gli apicoltori usano spesso l'espressione "la cera è tirata", il che significa che le api hanno utilizzato la cera di base piatta fornita dall'apicoltore e l'hanno resa più spessa, trasformandola nelle ben note celle esagonali del favo che vengono utilizzate per la conservazione del miele o per la deposizione delle uova.

telaio da nido apeLa cera di fondazione può essere utilizzata con o senza fili. Il fondo di cera non cablato è usato soprattutto dagli apicoltori che vogliono usare il favo tagliato (usato soprattutto nei melari), mentre il fondo cablato è usato per rinforzare la cera e mantenerla sicura all'interno dei telaini. Se il favo è pieno di miele, diventa molto pesante e potrebbe cadere dai telai.

Le api mantengono l'interno dell'arnia a una temperatura costante che rende la cera facile da manipolare e della giusta consistenza per consentire alle api di costruire. Se l'arnia si scalda troppo, la cera cola e se si raffredda troppo diventa fragile.

È stato stimato che occorrono 2,72 kg di miele per produrre 0,45 kg di cera.

COME FANNO LE API DA MIELE A COSTRUIRE GLI ALVEARI?

Le api operaie costruiscono le arnie per immagazzinare il miele e nutrirsi durante l'inverno, quando non possono andare all'aperto a cercare cibo. Gli alveari delle api mellifere sono costituiti da tubi a sei lati, la cui forma garantisce una produzione ottimale di miele perché richiede meno cera e può contenere più miele. Alcuni alveari sviluppano covate che con il tempo diventano di colore scuro a causa delle tracce dei bozzoli e delle macchie di viaggio. Altri alveari rimangono di colore chiaro.sciame

Le api selvatiche costruiscono gli alveari nelle fessure delle rocce, nelle cavità degli alberi e in altre aree che le api esploratrici ritengono adatte alla loro colonia. Simili alle abitudini delle api domestiche, costruiscono gli alveari masticando la cera fino a renderla morbida, per poi unire grandi quantità di cera nelle celle di un favo. Quando le api operaie si ammassano all'interno di un alveare, questo rimane a circa 30-35 gradi Celsius, la temperatura necessaria per controllare la consistenza della cera.api

Sebbene le api operaie vivano solo per circa sei settimane, trascorrono la loro vita svolgendo compiti utili alla sopravvivenza della colonia. Quando un'ape operaia compie 10 giorni di vita, sviluppa all'interno dell'addome un'esclusiva ghiandola per la produzione di cera. Le operaie cercano cibo e raccolgono nettare da diverse piante da fiore. Quando trasportano il nettare nel loro sacchetto del polline, questo si mescola con un enzima specializzato. Dopo essere tornata all'alveare, l'ape operaia trasferisce il nettare dalla sua lingua a quella di un'altra operaia, dove il liquido del nettare evapora e diventa miele.

Le ghiandole delle api operaie convertono il contenuto zuccherino del miele in cera, che trasuda attraverso i piccoli pori delle api per produrre minuscoli fiocchi di cera sul loro addome. Le operaie masticano questi pezzetti di cera finché non diventano morbidi e modellabili, quindi aggiungono la cera masticata alla costruzione del favo.cera

Le celle esagonali del favo sono utilizzate per ospitare larve e altra covata, oltre che per conservare miele, nettare e polline. Quando gli apicoltori estraggono il miele dagli alveari, il favo viene facilmente lasciato intatto, anche se gli apicoltori vendono anche il favo.

Articoli correlati

| January 16, 2021
| December 21, 2022
| February 17, 2021
Sottoscrivi la nostra Newsletter
No spam, promesso!
invia un messaggio al numero:
Aperti dalle 09:00 alle 18:00
APICOLTURA DUCHESSA - Copyright © 2023 Tutti i diritti sono riservati